In viaggio con il Pinscher

Quando si decide di viaggiare con un Pinscher, è bene avere una conoscenza adeguata dei comportamenti da adottare, al fine di garantire al proprio animale domestico tutta la sicurezza di cui necessita e un viaggio confortevole senza troppi stress. Vediamo dunque alcuni pratici suggerimenti, in funzione del mezzo di trasporto utilizzato (treno, auto, aereo).

Vaccinazioni

Quando si viaggia in compagnia del proprio animale è opportuno avere con sé il certificato di vaccinazione antirabbica. In Italia il suddetto non è obbligatorio, tuttavia, è richiesto in alcune regioni. Come se non bastasse, è sempre preferibile portar con sé il libretto sanitario dell’animale riportante tutte le vaccinazioni eseguite dallo stesso. Nel caso in cui si vada all’estero, è necessario munirsi del Certificato internazionale di Origine e Sanità rilasciato da un veterinario ufficialmente autorizzato o dall’Asl. Il suddetto certificato presenta una validità di 30 giorni dalla data del rilascio.


Viaggiare con un Pinscher

In auto

Stando all’articolo 169 del Codice della Strada, è possibile trasportare liberamente in auto esclusivamente un cane, a patto che quest’ultimo non vada ad intralciare la guida del conducente della stessa e stazioni sul sedile posteriore. E’ possibile trasportare più animali se quest’ultimi sono divisi da una rete riposta sul vano posteriore della vettura o tenendo cani di piccola taglia in contenitori da trasporto appositi.

Consigli

Prima di intraprendere il viaggio, il cane non deve mai aver mangiato. Fondamentale portarsi dietro una ciotola e una scorta d’acqua. Il finestrino dell’auto deve essere sempre abbassato in modo che circoli l’aria, tuttavia, bisogna evitare che l’animale mette la testa fuori dallo stesso, poiché, potrebbe incorrere in una brutta otite. Per far sì che l’animale possa sgranchire le gambe e dissetarsi, bisognerà compiere numerose soste (almeno una ogni 2 ore e mezza).



Treno

A bordo dei treni italiani il trasporto di animali di piccole dimensioni è consentito a patto che questi siano custodi in contenitori che non superino le seguenti dimensioni: 70x50x30.

Negli scompartimenti dei treni i Pinscher di piccola taglia possono viaggiare liberi accanto al padrone, a patto che siano sorvegliati e che i passeggeri dello scompartimento siano d’accordo. Ciò è possibile esclusivamente in seconda classe. I Pinscher di grossa taglia, invece, possono salire a bordo dei treni solo tenuti a guinzaglio e con apposita museruola.

Aereo

In genere tutte le compagnie aeree permettono il trasporto di cani, tuttavia, ciascuna ha un proprio regolamento a tal riguardo. Le suddette permettono ai cani di piccola taglia di viaggiare al fianco del proprio padrone, se custodi in gabbie. Nel caso in cui il peso dell’animale superi i 10 kg, invece, quest’ultimo è tenuto a viaggiare nella stiva.